Escursione borgo di Arquà Petrarca, Padova, Veneto

Un aura fiabesca protegge questo borgo inserito tra le braccia dei colli Euganei, un luogo carico di sapori antichi come antiche sono le sue strade, nelle quali hanno camminato truppe romane imperiali affiancate dalla comunità Atestina per l’unificazione della decima regione romana contro i Galli.

Oggi si respira serenità e leggerezza, immersi nella poesia rurale “petrarchista” accentuata dalle pietre chiare delle sue case, dalle strade lastricate e dal fascino dei colli. Le rampe del paese collegano il borgo alto con il resto del paese, contornate da lavatoi e vecchi abbeveratoi per condurre poi sul sagrato della chiesa arcipetrale di S.M. Assunta (circa XI° d.C.).

All’interno la chiesa, conserva affreschi di scuola veneto-bizantina, un polittico trecentesco, una pala di Palma il Giovane invece all’esterno di fronte ad essa sorge la tomba del poeta Petrarca in marmo rosso di Verona. Lungo tutto il borgo si possono ammirare le case delle famiglie nobili veneziane nonchè padovane in stile romanico e gotico.

Proseguendo per via Roma e per poi via Valleselle si può scorgere immersa nel verde dei colli e del suo giardino, la casa del Poeta donatagli dal signore di Padova, Francesco il Vecchio da Carrara in cui il Petrarca ha vissuto dal 1370 al ‘74. In questo luogo dove la migliore musica è il silenzio, il tempo, ha un sapore diverso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *